Professore Associato
TITOLI ACCADEMICI

· 1/05/2014: Professore associato di diritto processuale penale (s.s.d. IUS/16 – s.c. 12/G2) presso il Dipartimento di Scienze Giuridiche e Politiche dell’Università degli Studi “Guglielmo Marconi”.

· 2011: Ricercatore a tempo determinato in diritto processuale penale (s.s.d. IUS/16), presso l’Università degli Studi “Guglielmo Marconi”, Facoltà di Giurisprudenza.

Procedura svoltasi il 27/7/2011

· 2007: Cultore della materia in “diritto processuale penale” presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”;

________________________________________________________________________________

TITOLI DI STUDIO

· 15/06/2011: Dottorato di ricerca in diritto e procedura penale, conseguito presso l’Università di Roma, “La Sapienza”, Facoltà di Giurisprudenza.

Tesi di dottorato “La disciplina delle contestazioni a catena”.

Esame superato il 15/6/2011 con la votazione di ECCELLENTE.

· 15/12/2006: laurea in Giurisprudenza presso l’Università di Roma, “La Sapienza”, con la votazione di 107/110.

Tesi di laurea in diritto processuale penale: “Il principio del contraddittorio nel momento di formazione della prova”. Relatore: Prof. Gilberto Lozzi.

· 2000: diploma di maturità classica conseguito presso il Liceo “Aristofane” di Roma con la votazione di 82/100.

________________________________________________________________________________

INCARICHI ACCADEMICI E SCIENTIFICI

·  Dal 2017: Componente del Comitato scientifico della Rivista on line “Giurisprudenza penale”

·  Dal 2017: Componente del Collegio dei docenti del Dottorato di ricerca in Scienze Giuridiche e Politiche presso l’Università degli Studi “Guglielmo Marconi”.

· 2017: Componente della Commissione giudicatrice per l’assegnazione del titolo di Dottore di Ricerca nell’ambito del Dottorato di ricerca in diritto pubblico, XXVIII ciclo, dell’Università degli Studi “La Sapienza”, Dipartimento di Scienze Giuridiche.

· 2017: Componente della Commissione esaminatrice del concorso pubblico per titoli ed esami per l’assunzione con contratto di lavoro a tempo pieno e indeterminato di 1 unità di personale profilo Tecnologo, III livello professionale presso l’Istituto per l’Energetica e le Interfasi - Padova (ora denominato Istituto di Chimica della Materia Condensata e di Tecnologie per l'Energia) afferente al Dipartimento di Scienze chimiche e tecnologie dei materiali del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Bando 367.23 DSCTM IENI TEC).

 

 

________________________________________________________________________________

FORMAZIONE

·  Dal 2007 al 2010: corso di Dottorato di ricerca in diritto e procedura penale presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, Facoltà di Giurisprudenza.

· Partecipazione a seminari e convegni scientifici (dal 2007 ad oggi).

________________________________________________________________________________

 

ATTIVITA’ DI RICERCA

· 2009: Partecipazione al progetto di ricerca nazionale dal titolo "Legislazione dell'emergenza e processo penale: la tecnica dei pacchetti sicurezza".

_______________________________________________________________________________

DIDATTICA E RICERCA

·  Dal 2009 ad oggi: Docente incaricato di "Procedura penale" presso la Scuola Specialistica per le Professioni Legali, Università degli Studi “Guglielmo Marconi”, Facoltà di Giurisprudenza

·  Dal 2015 ad oggi: Componente del Comitato di gestione del Corso di Formazione Continua della Scuola territoriale della Camera Penale di Roma

· A.A. 2011/2012: Docente per la materia “diritto del lavoro nella pubblica amministrazione” presso l'Università degli studi “Guglielmo Marconi”, Facoltà di Giurisprudenza.

.·  A.A. 2010/2011: Docente incaricato di Procedura penale (una cattedra) nel Corso di laurea per operatori della sicurezza sociale, presso la Scuola allievi Marescialli e Brigadieri dei Carabinieri, sede di Velletri.

· A.A. 2010/2011: Svolgimento di seminari integrativi al corso di Procedura penale (Università degli studi di Roma «La Sapienza», Facoltà di giurisprudenza - Prof. Giorgio Spangher) in materia di Impugnazioni.

·  A.A. 2010/2011: Docente incaricato di Procedura penale nel Corso di introduzione al Diritto Italiano (Erasmus - Socrates), organizzato dall'Università degli studi di Roma «La Sapienza» - Facoltà di giurisprudenza.

· A.A. 2009/2010: Svolgimento di seminari integrativi al corso di Procedura penale (Università degli studi di Roma «La Sapienza», Facoltà di giurisprudenza - Prof. Giorgio Spangher) in materia di Impugnazioni.

·  Dal febbraio 2009 all’agosto 2011: Conferimento dell'incarico di Tutor per la materia "Procedura Penale I" presso l'Università degli Studi “Guglielmo Marconi”, Facoltà di Giurisprudenza - Prof. Giorgio Spangher.

·  Dal febbraio 2009 all’agosto 2011: Tutor per la materia "Procedura Penale II" presso l'Università degli Studi “Guglielmo Marconi”, Facoltà di Giurisprudenza - Prof. Giorgio Spangher.

·  Dal febbraio 2009 ad oggi: Tutor nell'ambito del Master di II livello in Scienze Criminologiche, presso l'Università degli Studi “Guglielmo Marconi”, per le aree "Crimine ed organizzazioni criminali", "Le nuove frontiere della criminalità", "Trattamento e controllo della criminalità", "Criminalità minorile e giustizia penale minorile" - direttore Prof. Giorgio Spangher.

·  A.A. 2009/2010: Docente incaricato di Procedura penale (una cattedra) nel Corso di laurea per operatori della sicurezza sociale, presso la Scuola allievi Marescialli e Brigadieri dei Carabinieri, sede di Velletri.

·  A.A. 2009/2010: Docente incaricato di Procedura penale nel Corso di introduzione al Diritto Italiano (Erasmus - Socrates), organizzato dall'Università degli studi di Roma «La Sapienza» - Facoltà di giurisprudenza.

· 2009:  collaborazione al programma di ricerca "Legislazione dell'emergenza e processo penale: la tecnica dei pacchetti sicurezza", ricerca di Ateneo Federato di Scienze Umanistiche, Giuridiche ed Economiche, Università "La Sapienza" di Roma, Responsabile Prof. Giorgio Spangher.

·  A.A. 2008/2009: Docente incaricato di Procedura penale nel Corso di introduzione al Diritto Italiano (Erasmus - Socrates), organizzato dall'Università degli studi di Roma «La Sapienza» - Facoltà di giurisprudenza.

·  A.A. 2008/2009: Tutor per la materia “diritto processuale penale” presso la Scuola Specialistica per le Professioni Legali dell'Università degli studi di Roma «La Sapienza», Facoltà di Giurisprudenza.

·  Dal dicembre 2007 al luglio 2011: Collaborazione presso la cattedra di Procedura penale (Università degli studi di Roma «La Sapienza», Facoltà di giurisprudenza - Prof. Giorgio Spangher). L'attività svolta è consistita, in particolare, nella partecipazione alle commissioni d'esame, nello svolgimento di lezioni seminariali, nei turni di ricevimento e nell'assistenza agli studenti nella redazione delle tesi di laurea.

 

______________________________________________________________________________

PUBBLICAZIONI

1) Sulla retrodatazione delle misure cautelari, in Libro dell’Anno del Diritto 2019, Treccani, 2019, pp.

2) Inammissibilità de plano: ricorso per cassazione, in Digesto delle Discipline Penalistiche, X Aggiornamento, 2018, pp. 356-362.

3) Il restyling del vaglio d’inammissibilità dei ricorsi per cassazione dopo la l. 23 giugno 2017 n. 103, in Spangher (a cura di), La riforma Orlando – I nuovi decreti, Pacini Giuridica, 2018, pp. 329-338.
4) Le modifiche che assottigliano il sindacato di legittimità, in Spangher (a cura di), La riforma Orlando – I nuovi decreti, Pacini Giuridica, 2018, pp. 339-348.
5) Il giudizio in cassazione dopo la c.d. riforma Orlando, in Baccari-Bonzano-La Regina-Mancuso (a cura di), Le recenti riforme della giustizia penale. Dai decreti di depenalizzazione (d.lgs. n. 7 e n. 8/2016) alla legge "Orlando" (l. n. 103/2017) e relativi decreti attuativi (3 ottobre 2017), Assago, 2017, pp. 427-453.
6) Il danno alla privacy. Le notizie non collegate all’imputazione, in AA.VV., La vittima del processo. I danni da attività processuale penale, Giappichelli, 2017, pp. 341.350.
7) Il cumulo tra le misure dopo la l. n. 47 del 2015 tra nuove ipotesi applicative e vecchie questioni di fondo, in Parola alla difesa, 2017, 3, pp. 313-317.

8) Sui limiti alla concessione in appello delle sanzioni sostitutive delle pene detentive brevi, in Cassazione penale, 2017, pp. 3065-3072.

9) Le Sezioni Unite fanno il punto sui rapporti tra abolitio criminis e sorte delle statuizioni civili tra molte ombre e poche luci, in Cass. pen., 2017, pp. 999-1008

10) Le Sezioni Unite riconoscono la cognizione del giudice del riesame sulle questioni inerenti la pignorabilità del bene sottoposto a sequestro conservativo, in Parola alla difesa, 2016, 2, pp. 273-276

11) Alcooltest: profili processuali, in Digesto delle Discipline Penalistiche, IX Aggiornamento, 2016, pp. 66-73

12) L’ordine di protezione europeo, in Baccari–La Regina-Mancuso (a cura di), Il nuovo volto della giustizia penale, Padova, 2015, pp. 353-379

13) La dinamica delle invalidità nel giudizio cautelare, in A. Marandola (a cura di), Le invalidità processuali. Profili statici e dinamici, Torino, 2015, pp. 453-491

14) Sui margini di operatività della scarcerazione per decorrenza di termini rideterminati in mitius per effetto di una declaratoria di incostituzionalità, in Cass. Pen., 2015, pp. 549-560

15) Ancora disorientamenti e criticità in tema di incompatibilità del giudice per valutazioni espresse in altro procedimento, in www.archiviopenale.it, pp. 1-9.

16) Le Sezioni Unite sui rapporti tra divieto della reformatio in peius e reato continuato, in Cass. pen., 2014, pp. 2848-2859.

17) La Consulta riconduce (solo in parte) nell’alveo della ragionevolezza costituzionale i rapporti tra procedimento di riesame e retrodatazione ex art. 297 c. 3 c.p.p., in Giur. Cost., 2014, pp. 4713-4720.

18) Misure cautelari personali e presunzione di adeguatezza, Il libro dell’Anno del diritto 2014, Treccani, 2014, pp. 603-604.

19) Misure cautelari reali e tempi del riesame, in Il libro dell’Anno del diritto 2014, Treccani, 2014, pp. 605-608

20) Commento agli Artt. 297, 309, 310 e 311 , in G. Spangher, Atti processuali penali - Patologie, sanzioni, rimedi, Ipsoa, Milano, 2013, pp. 1471-1482; pp. 1560-1591.

21) Obbligo del giudice del rinvio di uniformarsi alla sentenza della Cassazione anche nel caso di mutamento della giurisprudenza, in Cass. pen., 2013, pp. 4024-4028.

22)  Commento agli Artt. 310 e 311 c.p.p., in G. Lattanzi - E. Lupo (diretta da), Codice di procedura penale - Rassegna di giurisprudenza e dottrina, Vol. IV, GIUFFRE’, 2013 , pp. 1367-1448.

23) Inammissibilità del ricorso della parte civile che si limita a rinviare ai motivi del ricorso del p.m., in Cass. pen., 2013, pp. 1946-1947.

24) Imputato detenuto e garanzia della corrispondenza, in Il libro dell’Anno del diritto 2013, Treccani, 2013, pp. 591-594

25) Garanzia della difesa e nomina del terzo difensore, in Il libro dell’Anno del diritto 2013, Treccani, 2013, pp. 595-598.

26) Notifica a mezzo fax al difensore dell’imputato, in Il libro dell’Anno del diritto 2013, Treccani, 2013, pp. 599-600.

27) La disciplina delle «contestazioni a catena», Asiago, 2012, pp. 1-243.

28) Commento agli artt. 113, 116, 121 e 127 c.p.p., in G.Spangher, S. Corbetta, L. Filippi, Atti difensivi penali. Milano, 2012, pp. 304-320 e 330-338.

29) L’art. 297 comma 3 c.p.p. torna al vaglio della Consulta: nuova incostituzionalità per un istituto ancora troppo perfettibile, in Giur. Cost., 4/2011, pp. 2992-3001.

30) La regola dell'inoperatività della retrodatazione dei termini cautelari in presenza di un giudicato di condanna al vaglio della Corte Costituzionale: caduta di un (irragionevole) 'tabù', in La Giustizia penale, pp. 297-299

31) Commento agli Artt. 154 bis 164, 165, 166, 167, 168, 169  169 bis 170, 172, 173, 175 e 176 disp. att. c.p.p., in Codice di procedura penale commentato, a cura di A.Giarda e G. Spangher, IV edizione, Ipsoa, Milano, 2010, pp. 5697-5700; pp. 8722-8739.

32) La rilevanza dell’errore di diritto del difensore in tema di restituzione nel termine ad impugnare, nota a Cass. pen., Sez. VI, 26 giugno 2009, in Cass. pen., 2010, pp. 1054-1058.

33) L’impatto del giudicato sul computo dei termini cautelari: si ristringe ancora il campo applicativo dell’art. 297 comma 3 c.p.p., in Cass. pen., 2010, pp. 493-502.

34) Procedimenti diversi, fatti diversi, mancanza di connessione qualificata: una pronuncia (controcorrente) che alza la soglia di garanzia in tema di contestazioni a catena, in Cass. pen. 2009, pp. 2974-2984.

35) Rimessione medio tempore in libertà dell’indagato in vinculis: un prezzo troppo alto da pagare in termini di garanzia e di chances difensive, in Riv. it. dir e proc. pen., 2009, f. 1, pp. 464-474.

36) Misura disposta, per la prima volta, ai sensi dell’art. 310 c.p.p.: ragioni e vantaggi di un contraddittorio “anticipato”, in Cass. pen., 2008, pp. 4228-4241.