Università degli Studi Guglielmo Marconi

Insegnamento
Scavi e strutture di sostegno
Docente
Prof.ssa Lirer Stefania
Settore Scientifico Disciplinare
ICAR/07
CFU
12
Obiettivi formativi

Questo corso intende fornire tutte le conoscenze necessarie alla progettazione delle opere per il sostegno degli scavi a cielo aperto. Il corso, dopo una prima parte di richiami delle nozioni fondamentali di Geotecnica, affronta nei dettaglio le varie tipologie di opere di sostegno quali: muri a gravità, muri a mensola, paratie, palancole metalliche, muri in terra rinforzata ed in soil nailing. Per tutte le differenti tipologie di opere di sostegno, il corso fornisce i metodi di analisi e di verifica seguendo gli approcci indicati dalla normativa vigente (Norme Tecniche delle Costruzioni 2008).

Risultati di apprendimento attesi

Al termine di questo corso, lo studente sarà in grado di:

  • analizzare le condizioni di stabilità di fronte di scavi artificiali;
  • analizzare le condizioni di stabilità di pendii naturali;
  • conoscere le differenti tipologie di opere di sostegno e le relative caratteristiche tecnologiche;
  • calcolare la spinta dei terreni su opere di sostegno rigide (muri a gravità e a mensola) e flessibili (paratie);
  • verificare le strutture di sostegno rigide e flessibili con gli approcci della normativa vigente NTC 2008;
  • analizzare opere di sostegno in terra rinforzata ed in soil nailing.
Prerequisiti

Si richiede il superamento con successo dell’esame di Geotecnica.

Programma del corso
  • Introduzione al corso
  • Richiami di Geotecnica
  • Gli scavi ed i movimenti di terra
  • Analisi di stabilità dei fronti di scavo artificiali
  • Il metodo dell´equilibrio limite: metodi globali e metodi delle strisce
  • Il metodo dell´equilibrio limite: metodi delle strisce approssimati
  • Il pendio indefinito e abachi di stabilità
  • Spinta delle terre sulle strutture di sostegno: teoria di Rankine
  • Spinta delle terre sulle strutture di sostegno: teoria di Coulomb e teoria di Caquot e Kerisel
  • Esempio di calcolo della spinta delle terre sulle strutture di sostegno con la Teoria di Rankine
  • Spinta delle terre sulle strutture di sostegno in condizioni sismiche
  • Opere provvisionali di sostegno
  • Le strutture di sostegno rigide: tecnologie costruttive
  • Le strutture di sostegno rigide: metodi di analisi
  • Le strutture di sostegno flessibili: tipologie costruttive
  • Le strutture di sostegno flessibili a sbalzo: metodi di analisi
  • Le strutture di sostegno flessibili ancorate: metodi di analisi
  • Calcolo del carico limite di fondazioni superficiali
  • Strutture di sostegno in soil-nailing
  • Strutture di sostegno in terra rinforzata
  • Dimensionamento e verifica di un muro a gravità
  • Dimensionamento e verifica di un muro a mensola
  • Dimensionamento e verifica di una paratia a sbalzo
  • Dimensionamento e verifica di un paratia ancorata
Libri di testo

Oltre alle lezioni realizzate dal Docente ed ai materiali didattici pubblicati in piattaforma, è obbligatorio lo studio dei seguenti testi:

  • Lancellotta R., Geotecnica, Zanichelli, Bologna, 2004
  • Lancellotta R., Calavera J., Fondazioni, McGraw-Hill Italia, Milano, 1999
Criteri di valutazione
Tutte le prove di verifica e autoverifica intermedie previste dai Corsi ed erogate in modalità distance learning sono da considerarsi altamente consigliate e utili ai fini della preparazione e dello studio individuali. Le prove di verifica e autoverifica intermedie non sono obbligatorie ai fini del sostenimento della prova d´esame, la quale deve essere svolta in presenza dello studente davanti ad apposita Commissione ai sensi dell´art. 11 c.7 lett.e) del DM 270/2004.
Modalità della prova finale

L’esame si svolge in forma scritta.

La prova scritta consiste nella risoluzione di tre esercizi numerici e nella risposta ad alcune domande aperte riguardanti i concetti e gli argomenti trattati nell’intero corso. La prova ha una durata massima di 120 minuti.

Didattica erogativa
L'insegnamento prevede, per ciascun CFU, 5 ore di Didattica Erogativa, costituite da 2,5 videolezioni (tenendo conto delle necessità di riascolto da parte dello studente). Ciascuna videolezione esplicita i propri obiettivi e argomenti, ed è corredata da materiale testuale in pdf.
Didattica interattiva
L'insegnamento segue quanto previsto dalle Linee Guida di Ateneo sulla Didattica Interattiva e l'interazione didattica, e propone, per ciascun CFU, 1 ora di Didattica Interattiva dedicata alle seguenti attività: lettura area FAQ, partecipazione ad e-tivity strutturata costituita da attività finalizzate alla restituzione di un feedback formativo e interazioni sincrone dedicate a tale restituzione.
Ricevimento studenti

Previo appuntamento (s.lirer@unimarconi.it)