Università degli Studi Guglielmo Marconi

Insegnamento
Antropologia visuale. Il cinema etnografico
Docente
Prof.ssa Rubichi Viviana
Settore Scientifico Disciplinare
M-DEA/01
CFU
12
Obiettivi formativi

Il corso fornisce un’introduzione all'antropologia visuale, alla sua storia, ai suoi metodi, concentrandosi in particolare sul cinema etnografico e sulla sua evoluzione nel corso del tempo. Partendo dalla nascita della fotografia e del mezzo cinematografico (e del loro impiego nel campo dell’antropologia), le lezioni descrivono e analizzano le diverse forme d’incontro tra l’antropologo e il linguaggio filmico in varie parti del mondo.

Risultati di apprendimento attesi

Al termine di questo Corso, lo studente sarà in grado di:

  • conoscere le origini della materia e la sua evoluzione in più di un secolo di storia;
  • comprendere lo studio del lavoro di antropologi e di cineasti attraverso la ricerca sul campo;
  • sviluppare la capacità di mettere in pratica le conoscenze acquisite e comprenderne le implicazioni.
Prerequisiti

Non sono richiesti requisiti specifici.

Per uno studio più approfondito della disciplina, si consiglia agli studenti di inserire nel proprio Piano di Studi almeno uno dei seguenti esami:

  • Antropologia culturale;
  • Storia dell’arte contemporanea.
Programma del corso
  • Introduzione all'antropologia visuale
  • Robert Flaherty e Dziga Vertov: i padri del documentario
  • Franz Boas: il padre dell’antropologia americana
  • Margaret Mead e Gregory Bateson: due grandi antropologi del Novecento
  • Origini del cinema etnografico in Italia: dalla scuola “fiorentina” alla scuola “demartiniana”
  • Ernesto de Martino e la “scuola demartiniana”
  • I “luoghi” dell’antropologia
  • Antropologia visuale e cinema sperimentale: Maya Deren
  • Fare ricerca etnografica e antropologica attraverso le immagini (documenti, fonti, archivi)
  • Antropologia visuale francese: Jean Rouch
  • La fotografia etnografica
  • Antropologia visuale americana: John Marshall, Robert Gardner, Timothy Asch
  • David e Judith MacDougall: i film etnografici di osservazione
  • David MacDougall e il metodo del cinema partecipativo e transculturale
Libri di testo

Oltre alle lezioni realizzate dal Docente ed ai materiali didattici pubblicati in piattaforma, è obbligatorio lo studio dei seguenti testi:

  • Paolo Chiozzi, Manuale di Antropologia visuale, Ed. Unicopli, Milano, 2000
  • Cecilia Pennacini, Filmare le culture, Carocci Editore, Roma
  • Francesco Marano, Camera etnografica, Edizionidipagina, Bari, 2011
Criteri di valutazione
Tutte le prove di verifica e autoverifica intermedie previste dai Corsi ed erogate in modalità distance learning sono da considerarsi altamente consigliate e utili ai fini della preparazione e dello studio individuali. Le prove di verifica e autoverifica intermedie non sono obbligatorie ai fini del sostenimento della prova d´esame, la quale deve essere svolta in presenza dello studente davanti ad apposita Commissione ai sensi dell´art. 11 c.7 lett.e) del DM 270/2004.
Modalità della prova finale

L’esame si svolge in forma scritta e/o orale.
La prova scritta consiste in tre domande aperte.
Le domande aperte riguardano argomenti specificati esposti nel programma modulare del Corso, così come nei libri di testo, obbligatori per la corretta e completa preparazione dell’esame. Allo studente verrà richiesto di motivare in modo adeguato le risposte. È indispensabile, inoltre, rispondere in modo puntuale alla domanda posta, circoscrivendo gli argomenti richiesti.
La prova ha una durata massima di 90 minuti.
La prova orale consiste in una discussione relativa agli argomenti trattati nel programma del Corso e nei libri di testo indicati, al fine di verificarne la corretta comprensione. Verranno valutate, inoltre, le capacità logiche, espositive ed argomentative di ogni studente esaminato.
La prova orale ha una durata media di 30 minuti

Didattica erogativa
L'insegnamento prevede, per ciascun CFU, 5 ore di Didattica Erogativa, costituite da 2,5 videolezioni (tenendo conto delle necessità di riascolto da parte dello studente). Ciascuna videolezione esplicita i propri obiettivi e argomenti, ed è corredata da materiale testuale in pdf.
Didattica interattiva
L'insegnamento segue quanto previsto dalle Linee Guida di Ateneo sulla Didattica Interattiva e l'interazione didattica, e propone, per ciascun CFU, 1 ora di Didattica Interattiva dedicata alle seguenti attività: lettura area FAQ, partecipazione ad e-tivity strutturata costituita da attività finalizzate alla restituzione di un feedback formativo e interazioni sincrone dedicate a tale restituzione.
Ricevimento studenti

Previo appuntamento (v.rubichi@unimarconi.it)