Università degli Studi Guglielmo Marconi

Insegnamento
Sociologia della devianza
Docente
Prof. Peluso Pasquale
Settore Scientifico Disciplinare
SPS/12
CFU
12
Descrizione dell'insegnamento

Il corso si propone l’obiettivo di fornire un quadro organico dei principali temi di ricerca della sociologia della devianza al fine di permettere allo studente di orientarsi criticamente tra le definizioni e le spiegazioni dei comportamenti devianti e criminali comprendendo i mutamenti verificatisi nel contesto culturale contemporaneo. Il problema della devianza è particolarmente rilevante anche per il clamore sociale che destano alcuni comportamenti devianti o criminali, pertanto il poter comprendere la genesi e le manifestazioni di tali condotte insieme alle reazioni formali ed informali poste in essere dal contesto sociale permette alle agenzie di controllo sociale ed alle agenzie di socializzazione di implementare efficaci programmi di prevenzione. A tal riguardo appare rilevante esaminare l’apporto derivante dalle principali teorie criminologiche così come succedutesi attraverso le epoche ed i contesti storico-sociali differenti nonché i principali temi di analisi della sociologia della devianza partendo dal suicidio, alla violenza di genere, alla prostituzione, dall’eziologia dei crimini violenti, al consumo delle sostanza illegali. Sarà oggetto di approfondimento un tema di ricerca particolarmente rilevante quale l’insicurezza urbana ed i programmi di prevenzione. Ulteriore approfondimento sarà dedicato al tema della violenza televisiva agita e comunicata ai piccoli telespettatori come causa di comportamenti devianti. Al termine del corso lo studente potrà disporre di un bagaglio culturale che gli consentirà di comprendere i nessi tra modelli interpretativi della devianza, rappresentazioni sociali e tendenze delle politiche di controllo e potrà effettuare una valutazione critica dell’evoluzione della criminalità e della devianza.

Obiettivi formativi (espressi come risultati di apprendimento attesi)

Al termine di questo corso, lo studente sarà in grado di:

  • orientarsi criticamente tra le definizioni e le spiegazioni dei comportamenti devianti e criminali;
  • comprendere i mutamenti verificatisi nel contesto culturale contemporaneo;
  • conoscere l’apporto derivante dalle principali teorie criminologiche così come succedutesi attraverso le epoche ed i contesti storico-sociali differenti;
  • conoscere i principali temi di analisi della sociologia della devianza partendo dal suicidio, alla violenza di genere, alla prostituzione, dall’eziologia dei crimini violenti, al consumo delle sostanza illegali;
  • comprendere la genesi e le manifestazioni di condotte devianti e criminali insieme alle reazioni formali ed informali poste in essere dal contesto sociale;
  • disporre di un bagaglio culturale per comprendere i nessi tra modelli interpretativi della devianza, rappresentazioni sociali e tendenze delle politiche di controllo;
  • effettuare una valutazione critica dell’evoluzione della criminalità e della devianza.
Prerequisiti

Non sono richiesti requisiti specifici.

Contenuti dell'insegnamento
  • Introduzione alla sociologia della devianza
  • La definizione e le caratteristiche della devianza, differenze con il disagio e la marginalità
  • Le teorie della devianza e della criminalità: la Scuola Classica e la Scuola Positiva
  • Le teorie della devianza e della criminalità: le teorie biologiche
  • Le teorie della devianza e della criminalità: le teorie sociologiche di Durkheim e della Scuola di Chicago
  • Le teorie della devianza e della criminalità: le teorie sociologiche della disorganizzazione sociale
  • Le teorie della devianza e della criminalità: la teoria della tensione di Merton
  • Le teorie della devianza e della criminalità: la teoria dell’etichettamento
  • Il controllo sociale e le teorie del controllo sociale
  • Il suicidio
  • L’utilizzo e l’abuso delle sostanze illegali
  • La prostituzione
  • I reati contro il patrimonio
  • La criminalità violenta
  • La criminalità economica
  • Il sistema penale e le finalità della pena
  • La devianza prodotta dal mezzo televisivo
  • L’insicurezza urbana
  • Le forme di prevenzione
  • La prevenzione situazionale
  • Le strategie di polizia per combattere l’insicurezza urbana
  • Il mezzo televisivo e la devianza minorile
  • Le strategie di controllo sociale
Attività didattiche
Didattica Erogativa
L'insegnamento prevede, per ciascun CFU, 5 ore di Didattica Erogativa, costituite da 2,5 videolezioni (tenendo conto delle necessità di riascolto da parte dello studente). Ciascuna videolezione esplicita i propri obiettivi e argomenti, ed è corredata da materiale testuale in pdf.

Didattica Interattiva
L'insegnamento segue quanto previsto dalle Linee Guida di Ateneo sulla Didattica Interattiva e l'interazione didattica, e propone, per ciascun CFU, 1 ora di Didattica Interattiva dedicata alle seguenti attività: lettura area FAQ, partecipazione ad e-tivity strutturata costituita da attività finalizzate alla restituzione di un feedback formativo e interazioni sincrone dedicate a tale restituzione.
Criteri di valutazione
Tutte le prove di verifica e autoverifica intermedie previste dai Corsi ed erogate in modalità distance learning sono da considerarsi altamente consigliate e utili ai fini della preparazione e dello studio individuali. Le prove di verifica e autoverifica intermedie non sono obbligatorie ai fini del sostenimento della prova d´esame, la quale deve essere svolta in presenza dello studente davanti ad apposita Commissione ai sensi dell´art. 11 c.7 lett.e) del DM 270/2004.
Modalità della prova finale

L’esame si svolge in forma scritta e/o orale.
La prova scritta consiste in tre domande a risposta aperta. Le domande a risposta aperta possono riguardare argomenti specifici del corso (lezioni e libri di testo) e viene richiesto allo studente di motivare in modo adeguato le risposte, esponendo in dettaglio gli argomenti richiesti. È indispensabile rispondere in modo puntuale alla domanda posta circoscrivendo gli argomenti richiesti.
La prova ha una durata massima di 90 minuti. La prova orale consiste in una discussione relativa agli argomenti trattati nelle lezioni e nei libri di testo.
Libri di testo

Parte generale:

  • Barbagli M., Colombo A., Savona E., Sociologia della devianza, Il Mulino, 2003

Testi di approfondimento:

  • Peluso P., Panico ed insicurezza. Programmi di prevenzione e strategie di polizia, Edizioni Labrys, 2010
  • Lugnano S., Lanna M., Palermo G., Violenza televisiva e comportamenti devianti, Edizioni Labrys, 2009
  • Gurvitch G., Il controllo sociale, Armando Editore, 1997
Ricevimento studenti

Previo appuntamento (p.peluso@unimarconi.it)