Università degli Studi Guglielmo Marconi

Insegnamento
Medicina del lavoro
Docente
Prof. Marchese Attilio
Settore Scientifico Disciplinare
MED/44
CFU
6
Descrizione dell'insegnamento
Il corso di Medicina del Lavoro si pone, come obiettivo, quello di fornire una visione interdisciplinare dei concetti generali riguardanti la salute, la malattia e, soprattutto, la prevenzione delle patologie in ambito lavorativo. Assieme ai principi di base della disciplina, si analizzeranno anche gli aspetti legati ai rischi psicosociali ed allo stress lavoro-correlato nei luoghi di lavoro. I rischi psicosociali, derivanti da inadeguate modalità di progettazione, organizzazione e gestione del lavoro, nonché da un contesto lavorativo socialmente mediocre possono avere conseguenze psicologiche, fisiche e sociali negative, quali stress, esaurimento o depressione connessi al lavoro. Oltre ai problemi di salute mentale, i lavoratori sottoposti a stress prolungato possono sviluppare gravi problemi di salute fisica, come malattie cardiovascolari e disturbi muscolo-scheletrici. Il tutto con effetti negativi sulle imprese, che può dare esito ad una scarsa redditività complessiva, un maggiore assenteismo ed un aumento dei tassi di incidenti ed infortuni.
Il futuro professionista nell’ambito delle Scienze Psicologiche deve pertanto conoscere le problematiche più significative della Medicina del Lavoro, in modo da poter agire in modo ottimale in un settore attuale quale la Psicopatologia del lavoro.
Obiettivi formativi (espressi come risultati di apprendimento attesi)
Al termine di questo corso, lo studente sarà in grado di:
  • Conoscere i principali rischi connessi alle attività lavorative più diffuse;
  • Conoscere gli aspetti essenziali della legislazione su sicurezza e prevenzione nel lavoro;
  • Avere le nozioni di base sui principi della sorveglianza sanitaria nelle aziende;
  • Conoscere i diversi livelli di prevenzione sanitaria;
  • Individuare i possibili livelli di intervento;
  • Differenziare e riconoscere i rischi psicosociali e le patologie da stress lavoro-correlato;
  • Applicare le conoscenze acquisite in ambito aziendale;
  • Acquisire un uso appropriato del lessico scientifico proprio della medicina del lavoro;
  • Saper utilizzare in maniera appropriata i concetti appresi e saperli collegare tra loro in modo autonomo e critico.
Prerequisiti
Non sono previsti requisiti specifici.
Contenuti dell'insegnamento
Sono previste le seguenti 15 videolezioni, contenute in un unico modulo, della durata di un’ora circa ciascuna:
  • Infortuni sul lavoro
  • Malattie professionali
  • Salute mentale e lavoro
  • Psicopatologia del lavoro
  • Stress e Organizzazione del lavoro
  • Malattie nei lavoratori di concetto
  • Elementi di ergonomia
  • Rumore e Microclima
  • La prevenzione
  • Epidemiologia e ricerca
  • Legislazione su sicurezza e prevenzione nel lavoro
  • Malattie dell’apparato respiratorio
  • Medicina aziendale e medico competente
  • Protezione del lavoro dei videoterminalisti
  • Malattie infettive e nozione di rischio
Attività didattiche
Didattica erogativa
L'insegnamento prevede, per ciascun CFU, 5 ore di Didattica Erogativa, costituite da 2,5 videolezioni (tenendo conto delle necessità di riascolto da parte dello studente). Ciascuna videolezione esplicita i propri obiettivi e argomenti, ed è corredata da materiale testuale in pdf. Nelle lezioni sono ampiamente spiegati tutti gli argomenti previsti nel programma con particolare attenzione all’uso del linguaggio scientifico proprio della disciplina.

Didattica interattiva
L'insegnamento segue quanto previsto dalle Linee Guida di Ateneo sulla Didattica Interattiva e l'interazione didattica, e propone, per ciascun CFU, 1 ora di Didattica Interattiva dedicata alle seguenti attività: lettura area FAQ, partecipazione ad e-tivity strutturata costituita da attività finalizzate alla restituzione di un feedback formativo e interazioni sincrone dedicate a tale restituzione.
Modalità di verifica dell'apprendimento
L’esame si svolge in forma scritta e/o orale.

La prova scritta consiste in tre domande aperte. Le domande aperte possono riguardare argomenti specifici del corso e viene richiesto al discente di motivare in modo adeguato le risposte esponendo in dettaglio gli argomenti. È indispensabile rispondere in modo adeguato alle risposte esponendo in dettaglio gli argomenti. È indispensabile rispondere in modo puntuale alla domanda posta circoscrivendo gli argomenti richiesti.
La prova ha una durata massima di 90 minuti

La prova orale consiste in una discussione relativa agli argomenti trattati nel corso al fine di verificarne la comprensione.
La prova orale ha una durata media di 20/30 minuti.

Nella valutazione si terrà conto anche della capacità dello studente di utilizzare un linguaggio scientifico adeguato alla disciplina, che si avvalga della terminologia adatta e definisca in maniera corretta i concetti appresi.

Non esistono prove in itinere che contribuiscano alla formulazione del giudizio finale. Tutte le prove di verifica e autoverifica intermedie previste dal corso ed erogate in modalità distance learning sono da considerarsi altamente consigliate e utili ai fini della preparazione e dello studio individuali. Le prove di verifica e autoverifica intermedie non sono obbligatorie ai fini del sostenimento della prova d’esame, la quale deve essere svolta in presenza dello studente davanti ad apposita Commissione ai sensi dell’art. 11 c.7 lett.e) del DM 270/2004.
Libri di testo

Oltre alle lezioni realizzate dal Docente ed ai materiali didattici pubblicati in piattaforma, sui quali verteranno le prove di verifica, i discenti interessati ad approfondire gli argomenti trattati nel corso possono consultare uno tra i seguenti testi:

  • Gobbato, Medicina del lavoro, Ed. Masson
  • Crepet, B. Saia, Medicina del lavoro, Ed. UTET
  • Alessio, G. Franco, F. Tomei, Trattato di medicina del lavoro, Ed. Piccin
Ricevimento studenti
Previo appuntamento (a.marchese@unimarconi.it)