Università degli Studi Guglielmo Marconi

Insegnamento
Diritto della finanza d'impresa
Docente
Prof. Messina Patrizio
Settore Scientifico Disciplinare
IUS/05
CFU
6
Descrizione dell'insegnamento
Il corso offre un approfondimento degli strumenti finanziari più importanti che le Piccole e Medie Imprese (PMI), ed in particolare quelle europee, possono utilizzare come alternativa al sistema bancario globale, al fine di migliorare l'efficienza degli strumenti finanziari internazionali da queste impiegati.
Il corso è composto da tre sezioni:
  • Nella prima viene fornita un’analisi iniziale delle macro operazioni bancarie e finanziarie che supportano il finanziamento per le PMI.
  • Nella seconda, è focalizzata sulle pratiche commerciali e sull'uso concreto degli strumenti finanziari per le PMI.
  • Nella terza, i principali strumenti innovativi e le procedure più utilizzate sono affrontati individualmente attraverso l'analisi di casi studio che consentono una profonda comprensione delle strutture finanziarie e delle loro principali caratteristiche. 
Obiettivi formativi (espressi come risultati di apprendimento attesi)
Al termine di questo corso lo studente sarà in grado di:

1 - Risultati in termini di conoscenza e comprensione:
  • Conoscere le principali attività di finanziamento delle PMI nell’ambito dell’Unione Europea
  • Conoscere la struttura dell’Unione del Mercato dei Capitali e lo Z-Scoring per le PMI
  • Conoscere le principali attività di finanziamento bancario e delle operazioni di cartolarizzazione delle PMI
  • Conoscere i più importanti strumenti di finanziamento alternativi per le PMI
  • Comprendere la genesi e la necessità delle discipline suddette
  • Comprendere le diverse categorie di strumenti finanziari ed individuare il più appropriato al caso concreto
Ulteriori approfondimenti verranno concordati con gli studenti, su eventuale richiesta di questi ultimi.

2- Capacità di applicare conoscenza e comprensione:

  • Applicare le nozioni teoriche acquisite al caso pratico prospettato, individuando la soluzione a specifiche problematiche sulla base di quanto appreso nel corso delle lezioni e dai materiali didattici.
3 - Competenze trasversali:
  • Il corso permette di acquisire e sviluppare competenze trasversali al diritto commerciale, dei mercati finanziari e, più in generale, delle materie civilistiche.
Prerequisiti
Il superamento dell’esame di profitto di Diritto Privato e di Diritto Commerciale è propedeutico all’esame di Diritto della Finanza di Impresa.
Contenuti dell'insegnamento
Nelle 15 lezioni del corso sono trattati i seguenti argomenti:
  • Nozione di PMI e loro ruolo nel quadro macroeconomico europeo
  • Fonti e soggetti internazionali
  • Contratti di finanziamento per le PMI
  • Factoring e Invoice Financing in Europa e Italia
  • Leasing e Project Financing in Europa e Italia
  • I Derivati
  • Capital Markets Union (CMU)
  • Cartolarizzazione
  • Non-Performing Loans
  • Covered Bonds
  • Rating
  • Social & Peer-to-Peer Lending
  • Crowdfunding in Europa e Italia
  • Minibond in Italia
  • Minibond in Europa & Case Studies
Attività didattiche
Didattica Erogativa
L'insegnamento prevede, per ciascun CFU, 5 ore di Didattica Erogativa, costituite da 2,5 videolezioni (tenendo conto delle necessità di riascolto da parte dello studente). Ciascuna videolezione esplicita i propri obiettivi e argomenti, ed è corredata da materiale testuale in pdf.

Didattica Interattiva
L’insegnamento segue quanto previsto dalle Linee Guida di Ateneo sulla Didattica Interattiva e l’interazione didattica, e propone, per ciascun CFU, 1 ora di Didattica interattiva dedicata alle seguenti attività: lettura area FAQ, partecipazione ad e-tivity strutturata costituita da attività finalizzate alla restituzione di un feedback formativo e interazioni sincrone dedicate a tale restituzione, aule virtuali, interazione specifica con i tutors, mediante la piattaforma informatica.
Modalità di verifica dell'apprendimento
1. Tipologie di prove di esame
L’esame si svolge in forma scritta e/o orale. La prova scritta si svolge presso le sedi territoriali dell’Università e, in coerenza con gli obiettivi formativi, consiste in tre domande aperte, che richiedono, per ciascuno dei campi nei quali è ripartita la materia, la soluzione di casi pratici, mediante l’applicazione delle conoscenze acquisite dallo studente durante il corso. La durata è di 90 minuti. Agli stessi obiettivi di verifica è indirizzato anche l’esame orale, che si svolge presso la sede centrale dell’Università in Roma davanti ad una Commissione d’esame.

2. Per l’attribuzione del giudizio finale si tiene conto della capacità dello studente di acquisire una approfondita conoscenza della materia e dei contenuti di disciplina ad essa connessi, dimostrando di aver appreso i suoi principi metodologici, applicativi e lessicali dell’interpretazione giuridica.

Tutte le prove di verifica e autoverifica intermedie previste ed erogate in modalità distance learning sono da considerare altamente consigliate. Le prove di verifica e autoverifica intermedie non sono obbligatorie ai fini del sostenimento della prova d’esame. la quale deve essere svolta in presenza dello studente davanti ad apposita Commissione ai sensi dell´art. 11 c.7 lett.e) del DM 270/2004.
Libri di testo
Oltre alle lezioni realizzate dal Docente ed ai materiali didattici pubblicati in piattaforma, è obbligatorio lo studio dei seguente testi:
  • Messina P. , Le operazioni finanziarie nel diritto dell’economia. Finanza pubblica di impresa, in Trattato di diritto dell’economia, diretto da Picozza e Gabrielli, Cedam, 2011, pagg. 81-107 e 303-315.
  • Messina P. , Profili evolutivi della cartolarizzazione. Aspetti di diritto pubblico e privato dell’economia, in Diritto dell’Economia, collana diretta da Picozza e Lener, Giappichelli, 2009, pagg.1-53.
Ricevimento studenti
Previo appuntamento (p.messina@unimarconi.it)