Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dipartimento di Tecnologie, Comunicazione e Società

Italia Amati - Ambiti di ricerca

  • Codice Materno e Codice Paterno. Ricerca bibliografica e studio del codice materno e paterno, elaborati nella teoria dei codici affettivi di Franco Fornari, al fine di verificare come, in seguito ai profondi cambiamenti che la famiglia ha subìto, avviene l’integrazione del codice affettivo materno e del codice affettivo paterno nell’individuo del terzo millennio.
  • La socializzazione nello sport. Studio delle problematiche afferenti alla preparazione mentale e allo sviluppo di adeguate relazioni interpersonali con cui si confronta la figura dello psicologo dello sport, con specifico riferimento al caso in cui egli operi nello sport di alto livello per favorire la massima prestazione di squadre agonistiche.
  • Le nuove forme di comunicazione e relazione. Analisi degli attuali sistemi di comunicazione che hanno prodotto nuovi linguaggi e nuove forme espressive. Progettazione di indagini finalizzate a comprendere il modo in cui le nuove forme di comunicazione influenzino le modalità relazionali, mettendo in risalto gli aspetti positivi, ma anche le eventuali criticità, al fine di erogare un’adeguata informazione alle nuove generazioni.

Attività di ricerca

  • Ha partecipato nel 2001, in collaborazione con il servizio di Psicologia Clinica dell’Azienda Ospedaliera San Camillo - Forlanini di Roma, a una ricerca epidemiologica con lo scopo di individuare le caratteristiche della personalità di base nei soggetti con una sintomatologia vertiginosa di tipo funzionale. L’indagine è stata effettuata su un campione di 200 soggetti provenienti dall’ambulatorio di ORL, Servizio di Audiometria dell’Azienda Ospedaliera San Camillo - Forlanini di Roma.
  • Ha collaborato e collabora con l’ARES 118 di Taranto per l’approvazione della Legge 13 luglio 2015, N. 107 sulla Buona Scuola. Tale legge prevede l’insegnamento del Primo Soccorso nelle scuole secondarie di primo e secondo grado. Si tratta di un percorso formativo e di addestramento rivolto agli studenti per accrescere la sicurezza all’interno della nostra società e per contrastare l’elevato numero di “decessi improvvisi” per arresto cardiaco.
  • Sta realizzando, in collaborazione con uno studente, una ricerca nell’ambito della psicologia dello sport. L’obiettivo posto è applicare la psicologia nello sport di alto livello attraverso la messa a punto di un protocollo che permetta, tramite opportune modalità di integrazione del gruppo e di allenamento e di potenziamento delle abilità psico-motorie degli atleti costituenti il gruppo squadra, di perseguire l’ottenimento della massima prestazione.